Il nostro viaggio raccontato su YouTube dal Ministero della Giustizia

Archiviate le convocazioni dei 1024 idonei che la settimana scorsa in via di Brava hanno scelto la sede di destinazione, ora si attende la sorte dei successivi 420 che potrebbero prendere servizio entro l’estate, in attuazione della Legge di stabilità 2018 e del successivo decreto “Orlando-Madia” che ha dato il via  alle assunzioni finanziate.

Ad oggi, quindi, il risultato è quello di una graduatoria dimezzata a soli quattro mesi dalla sua approvazione.

Ma riavvolgiamo il nastro della storia perché ricordare è necessario.

Era Il 22 novembre 2016 quando il Ministro della Giustizia Andrea Orlando, a fronte delle tantissime carenze di personale che negli anni hanno reso ingestibile la macchina della giustizia, bandiva l’atteso concorso per 800 assistenti giudiziari. Si metteva in moto, così, una macchina organizzativa che aveva il compito di garantire che la selezione si svolgesse con correttezza e regolarità.

Il Ministero ha pubblicato sul canale YouTube un video che ripercorre le tappe più significative del nostro concorso. Ecco i numeri: 356.768 registrazioni, 308.468 domande pervenute con una partecipazione, dall’8 al 24 maggio 2018 alla Fiera di Roma, di 79.322 candidati e ancora 14.000 postazioni per le preselezioni, 24 server di infrastruttura e 1.336 persone addette alla vigilanza. Il risultato finale è stato 4915 tra vincitori ed idonei.

Un plauso va al personale di via Arenula e agli agenti della Polizia Penitenziaria per l’impegno e l’abnegazione dimostrati ma, soprattutto, la decisione del ministro Orlando di far svolgere le prove con modalità innovative, interamente telematiche, si è rivelata vincente.

A distanza di circa sei mesi dall’emanazione del bando, grazie alla procedura informatizzata, i primi risultati degli ammessi agli scritti che avevano superato con 50/50 la prova preselettiva.

Intanto, sui social network, si moltiplicavano forum e gruppi di studio sui quali migliaia di persone dibattevano, si confrontavano e si davano consigli per affrontare al meglio il concorso.

Le prove scritte di procedura civile e penale si sono svolte tra il 26 al 28 giugno. Dal 30 agosto al 18 ottobre, circa 6000 persone hanno affrontato l’esame orale. Si è arrivati, così, a 4915 persone che hanno dato forma alla graduatoria finale pubblicata lo scorso 14 novembre.

Uomini e donne, laureati e specializzati, giovani e meno giovani diplomati, padri e madri di famiglia si sono cimentati nello studio di materie come diritto amministrativo, procedura civile e penale, servizi di cancelleria, ordinamento giudiziario e disciplina del pubblico impiego senza tralasciare l’informatica e la lingua straniera. 4915 persone in possesso di un’alta professionalità e preparazione, come ha sottolineato lo stesso ministro.

Meno di un anno tra bando e approvazione della graduatoria, un solo anno tra bando e assunzioni.

L’8 gennaio 2018 gli 800 vincitori del concorso hanno fatto il loro ingresso nelle cancellerie di tutta Italia nelle vesti di assistenti giudiziari. Ai primi di febbraio è stata la volta di altri 600 mentre l’attività del Comitato Idonei Assistenti Giudiziari, costituitosi il 21 ottobre 2017, continuava imperterrita sul territorio per portare avanti la propria battaglia per lo scorrimento totale della graduatoria.

Il 1° Febbraio scorso, il ministro Andrea Orlando ha firmato un nuovo decreto di scorrimento con cui ha disposto, grazie alle coperture garantite con la legge di bilancio 2018, l’assunzione di ulteriori 1420 idonei, 1024 dei quali hanno scelto già la sede di destinazione ed entreranno in servizio il prossimo 26 aprile.

Il lavoro del C.I.A.G., tuttavia, non si è mai fermato e mai si fermerà fino all’ultimo idoneo, come ricorda la campagna social. Attualmente restano circa 2071 idonei da assumere per arrivare all’esaurimento totale della graduatoria. Senza contare le rinunce.

Ora, si apre una nuova fase dell’attività del Comitato finalizzata all’assunzione di tutti gli idonei che restano, nessuno escluso. Un ultimo sforzo prima di tagliare il traguardo finale. Guardando a ritroso, a tutto quello che è stato seminato fino ad oggi, le basi per uno scorrimento totale della graduatoria sono state piantate e sono anche solide. Quello che all’inizio poteva sembrare un obiettivo lontano e di difficile realizzazione ora è diventato un dato oggettivo perché oggettiva è la carenza di personale amministrativo negli uffici giudiziari.

Il Tribunale di Venezia ha annunciato di aver sospeso per sei mesi tutte le udienze preliminari perché mancano i magistrati e il personale amministrativo. Quello di Verona, per lo stesso motivo, è sommerso da fascicoli che vengono accatastati persino nei bagni. Di recente, il Csm ha denunciato che a Novara le carenze di giudici e personale, oltre ai numerosi pensionamenti, costringono funzionari ed assistenti a svolgere mansioni che non sono di loro competenza. Gravi le carenze anche nel sud Italia, a Reggio Calabria, come denunciato dal sindaco Falcomatà, o a Catanzaro come ha evidenziato il presidente della Corte d’Appello. Solo per fare alcuni esempi.

Per questo, e solo per questo, il lavoro del Comitato Idonei Assistenti Giudiziari procede spedito.

Continuano i contatti con i politici, confermati e neoletti in Parlamento, ma anche con le rappresentanze sindacali per arrivare alla meta.

E quello che via, via viene fuori è incoraggiante. Tutti sono concordi nel sostenere la nostra causa e tutti si sono pronunciati a favore dello scorrimento totale della graduatoria.

Noi siamo l’unica risposta possibile ai vuoti di personale che persistono nelle cancellerie dei tribunali. E questo è un dato oggettivo e incontrovertibile.

Il C.I.A.G. continuerà a dare battaglia su tutti i fronti fino a quando il 4915esimo della nostra graduatoria non varcherà la soglia di un ufficio giudiziario italiano.

5 Comments on “Il nostro viaggio raccontato su YouTube dal Ministero della Giustizia

  1. CIAG SIETE FANTASTICI. QUESTA É LA STRADA GIUSTA PER RAGGIUNGERE IL NOSTRO TRAGUARDO CHE SI CONSIDERERÁ PIENAMENTE RAGGIUNTO SOLO QUANDO IL N. 4915 DELLA GRADUATORIA AVRÁ APPOSTO LA SUA FIRMA SUL CONTRATTO.

  2. Il nostro viaggio denso di emozioni e speranze ha una sola meta: lo #ScorrimentoTotaleGraduatoria con l’assunzione di tutti i vincitori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *