METTI UNA DOMENICA D’AGOSTO CON IL MINISTRO ALFONSO BONAFEDE

A volte succede quando meno te lo aspetti. Capita che in una tranquilla domenica mattina di agosto dove tutto tace, il Ministro della Giustizia posti sulla sua pagina Facebook un video dove, in tenuta estiva, annuncia che si trova nella sua città natìa, Mazara del Vallo, e che in serata incontrerà i cittadini in piazza Mokarta. Niente di nuovo e di eclatante, direte voi. Invece no. Perché il CIAG ha occhi e orecchie ovunque. Questa cosa non è sfuggita ad alcuni idonei che hanno pensato bene di coordinarsi. Cinzia Rubino, con un fiuto investigativo degno di un agente della CIA, dal video ha prontamente individuato lo stabilimento balneare dove si trovava il Ministro. Ha passato l’informazione a Piero Rinaldo. Il nostro, che stava da tutt’altra parte, si è recato sul luogo segnalato e, senza colpo ferire, ha avvicinato Bonafede il quale, con molta disponibilità, si è intrattenuto con lui in una breve conversazione. E non è neanche difficile capire quale sia stato l’argomento. Scorrimento della graduatoria. “La facciamo scorrere tutta entro il 2019 ?” Ha chiesto l’impavido idoneo. “Io ho chiesto i fondi che servono e spero che mi accontentino”. Ha risposto il Guardasigilli aggiungendo che si sta facendo tutto il possibile per la causa, dal momento che dalla nostra parte c’è una Dirigente “tosta”, parola di Ministro, che di certo non si arrende. Lei è Barbara Fabbrini ed è la nostra mamma putativa.
Naturalmente non poteva mancare il momento della consegna del documento che Piero aveva portato con sé ma mica perché immaginava che avrebbe incontrato su una comune spiaggia di Mazara del Vallo il Ministro della Giustizia! Semplicemente perché lo porta sempre con sé, per ogni evenienza. Quando si dice, essere sempre sul pezzo…

È così che si fa. Quando la preda si trova nei paraggi, bisogna intervenire in maniera tempestiva con tutta la dotazione al seguito e braccarla. E poi c’è la foto di rito che non poteva mancare e che immortala il momento del primo incontro, decisamente ravvicinato, tra il Ministro Bonafede e il CIAG. Una foto destinata a fare storia perché non è stata scattata nella stanza del Guardasigilli, in via Arenula, davanti alla scrivania dove un tempo sedette Palmiro Togliatti e nemmeno a margine di qualche noioso convegno dove si parla per ore ma in una spiaggia davanti al bel mare di Sicilia con una fotografa d’eccezione: la mamma del Ministro. Che dire ? Un vero colpaccio. In un colpo solo abbiamo conosciuto personalmente il Ministro e la sua famiglia. Speriamo ne tenga conto.
E in tarda serata si è replicato. Dopo aver incontrato il Ministro nelle vesti di comune bagnante, il CIAG non poteva lasciarsi sfuggire l’occasione di rivederlo in quel di piazza Mokarta, sempre a Mazara del Vallo. Nel corso del suo intervento, il Ministro ha illustrato quelli che sono i punti più importanti del suo programma, a cominciare dalla necessità di maggiori investimenti per l’assunzione di nuove risorse che consentano alla giustizia di funzionare meglio.
Al termine del suo intervento, il Guardasigilli è stato avvicinato da una delegazione del CIAG composta da Giulio Barone, Piero Rinaldo e Valentina Culcasi. Laura Peralta non era presente ma è stata un gancio importante per la deputata Martinciglio. I ragazzi hanno incalzato Bonafede innanzitutto sulle tempistiche per lo scorrimento della graduatoria ed eventuali cessioni. Il Ministro non si è sbilanciato limitandosi a spiegare che “… (…)…cercheremo di assorbire quante più persone possibili perché c’è bisogno di nuove risorse e i nostri uffici sono al lavoro per reperire i finanziamenti necessari specie per la legge di bilancio. Per ora non posso dirvi nulla. A settembre, appena avrò un quadro più preciso vi darò notizie ulteriori”.
In pratica, lavori in corso. Il Ministro si è mostrato estremamente disponibile e, per nulla infastidito, ha accettato di buon grado di farsi fotografare con la delegazione siciliana del CIAG. Con gli assistenti giudiziari, come li ha chiamati.
Quella del 12 agosto è stata una giornata inaspettata e piena di nuove, ennesime sorprese. Ma le cose non accadono mai per caso. Gli eventi vanno sempre provocati se si vuole raggiungere un obiettivo importante e dietro tutto questo c’è molto lavoro ed il contributo di ognuno.
Anche in agosto quando tutto è fermo e non ci si aspetta molto. Ma è un segnale forte perché dimostra la bontà del lavoro svolto finora e la coesione di un gruppo che ha come suo punto di forza il gruppo stesso. Questo è lo spirito del CIAG ed è questa forza che ci ha portato dove ci troviamo adesso. Cioè a 1860 passi dal traguardo. Sappiamo che dopo la pausa estiva ci aspetta un duro lavoro. Bisognerà dare battaglia su tutti i fronti: legge di bilancio, turnover, cessioni. Queste sono le tre strade che potrebbero portare allo scorrimento della nostra graduatoria.
Noi non demordiamo, anzi, di fronte a tutto questo siamo ancora più motivati e decisi a raggiungere il nostro obiettivo perché sappiamo di stare dalla parte giusta. Abbiamo costruito tutto questo in appena 10 mesi. E stiamo costruendo ancora molto. Ci siamo accreditati presso istituzioni politiche, giudiziarie e sindacali e non ci fermeremo fino a quando il nostro obiettivo non sarà definitivamente raggiunto. Parola di CIAG.

6 Comments on “METTI UNA DOMENICA D’AGOSTO CON IL MINISTRO ALFONSO BONAFEDE

  1. Grazie alla delegazione del CIAG per aver dedicato la domenica alla causa degli #idoneiassistentigiudiziari e infinite Grazie al Miniatro @AlfonsoBonafede per aver concesso parte del suo tempo libero con gli idoneiassistentigiudiziari!

  2. GRANDISSIMO CIAG…….INARRESTABILE ANCHE A FERRAGOSTO. GIÀ PER LA FORTE DETERMINAZIONE MERITA L’ACCOGLIMENTO DELLE RICHIESTA DI SCORRIMENTO TOTALE

  3. Bravissimi ragazzi!!!

    Non ci resta che sperare in buone notizie al più presto.

  4. Tre idonei in rappresentanza di 1870 vite colme di speranza e dedizione verso un lavoro per cui hanno impegnato grandi energie. Grazie di cuore al CIAG per la perseveranza e l’unione e grazie al Ministro Bonafede per averci ascoltato. #scorrilatutta #solo1870 #idoneiassistentigiudiziari.

  5. Il CIAG deve continuare in questo modo insisistendo per uno stanziamento corposo nella prossima legge di bilancio che possa garantire il totale assorbimento della graduatoria entro il 2019. Bisogna dar soddisfazione ai tanti ragazzi che hanno superato prove difficilissime nella caldissima estate del 2017, sudando le proverbiali 7 camicie per ottenere l’idoneitá.

  6. Grazie a Cinzia Rubino,Piero Rinaldo, Valentina Culcasi ,Giulio Barone, Laura Peralta: semplicemente geniali!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *