Il Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Brindisi sostiene il CIAG

Il C.I.A.G. nell’ambito dell’attività di divulgazione delle proprie istanze nonché di sensibilizzazione delle Istituzioni del nostro Paese, ha ricevuto in via ufficiale un importante sostegno da parte del Consiglio dell’Ordine degli Avvocati presso il Tribunale di Brindisi.

Con l’auspicio che anche tutti gli altri consessi interni all’avvocatura esprimano analogo orientamento.

Il Direttivo

Il C.I.A.G. di nuovo in onda su IusLaw WebRadio

Si ringrazia IusLaw WebRadio  per aver dato nuovamente voce alle nostre istanze.

Il dott. Nicola Andreozzi, componente del Direttivo C.I.A.G., ospite fisso della trasmissione “A TU X TU”. Nel corso della puntata si sono succeduti diversi interventi in diretta da parte di altri componenti del Direttivo (Elisa Falasca, Lino Barbati, Paola Fogliamanzillo, Carmen Pedata, Viviana Sesti, Nico Mongelli, Cinzia Masucci, Claudia Piazza).

Concorso Assistenti Giudiziari – La carica dei #4915 #Idonei

Completato il primo scorrimento per 600 idonei

E’ con grande soddisfazione che il Direttivo CIAG prende atto del termine della procedura di scelta della sede che ha visto protagonisti fino a ieri, in Via di Brava, in Roma, i primi 600 idonei che nei prossimi giorni prenderanno possesso negli uffici giudiziari di destinazione.

Così si porta a compimento il primo scorrimento ex D.M. di Aprile 2017, grazie al quale il contingente di nuovi assistenti giudiziari è salito a 1400 unità comprensive degli 800 vincitori, che già dall’8 Gennaio 2018 sono entrati in servizio.

Tuttavia questo non è che solo l’inizio di una grande politica di assunzioni, che il CIAG si augura che presto potrà coinvolgere anche la restante parte della graduatoria, che ad oggi risulta composta da 3515 idonei assistenti giudiziari.

I segnali in tal senso sono molto positivi. Fonti politiche e sindacali non fanno altro che confermare l’imminente decreto del cd. “secondo scorrimento”, che, già nel mese di Febbraio, dovrebbe essere portato alla firma del Ministro Andrea Orlando, per permettere ad un altro cospicuo contingente di idonei, di varcare la soglia degli uffici giudiziari di tutta Italia.

Ancora, purtroppo, non si hanno notizie certe sui numeri degli idonei che il decreto interesserà, ma da alcune voci di corridoio trapela la notizia che interesserà un migliaio di unità.

Intanto il CIAG non si ferma e continua incessantemente la sua attività volta ad incontri, interviste, contatti e interventi attraverso i mass-media, per sensibilizzare gli addetti ai lavori affinchè contribuiscano il più possibile al raggiungimento dell’obiettivo finale: SCORRIMENTO DI TUTTA LA GRADUATORIA IN TEMPI BREVI.

Il CIAG coglie l’occasione per porgere i migliori auguri ai 600 idonei che dal 9 Febbraio entreranno in servizio presso le sedi di destinazione, fiducioso che presto tutti gli altri potranno raggiungerli!

Si avvisano, inoltre, tutti coloro che vorranno seguire la diretta su iuslaw web Radio, che stasera, nella trasmissione delle 21, interverranno alcuni membri del direttivo.

FORZA RAGAZZI! INSIEME SI PUO’!

A sostegno del CIAG

Ringraziamo l’associazione “Nuova Giustizia” – Dirigenti Ministero della Giustizia, nonché l’Unione Europea dei Funzionari Giudiziari, per aver raccolto il nostro invito a sostenere lo #ScorrimentoTotaleGraduatoria degli idonei concorso assistenti giudiziari.

Convocazione dei primi 600 idonei

Nella giornata di oggi il Ministero della Giustizia ha diramato il calendario delle convocazioni per la scelta della sede per i primi 600 idonei al concorso per #AssistentiGiudiziari.

Pervengono tuttavia allo stesso Ministero richieste formali da alcuni Tribunali – rimasti esclusi da questa iniezione di nuova linfa  a sostegno del personale amministrativo in servizio – i cui Presidenti chiedono a gran voce che venga loro destinato un cospicuo contingente di assistenti giudiziari, attese le enormi carenze d’organico.

Al riguardo occorrerà attendere le determinazioni del Ministero, il quale più volte ha ribadito che, per effetto della Legge di Bilancio 2018, verrà destinato agli uffici giudiziari un ulteriore contingente di 1400 unità di personale amministrativo.

Il CIAG, dal canto suo, chiede che il suddetto contingente sia interamente attinto dalla graduatoria formatasi all’esito del concorso per assistenti giudiziari, e continuerà a chiedere alle Istituzioni lo scorrimento totale ed in tempi rapidi della stessa graduatoria che ad oggi conta 3515 idonei.

Infatti, il profilo di assistente giudiziario costituisce il profilo con la maggiore scopertura negli organici dell’Amministrazione, come ammesso dal Ministero della Giustizia, ed è essenziale per il funzionamento degli uffici giudiziari e per l’assistenza ai magistrati, sia nei tribunali che nelle procure.

Scorrimento graduatoria concorso 800 assistenti giudiziari. Nuovo invito alla politica

Ill.mi Parlamentari,

siamo un comitato costituitosi spontaneamente a seguito del Concorso per Assistenti Giudiziari indetto dal Ministero della Giustizia. Siamo certi non vi sfugga la situazione che la nostra generazione sta attraversando. La crisi economica ed altre contingenze rischiano di sottrarci il futuro. Il nostro Paese offre poche prospettive per giovani motivati e brillanti, ed è noto a tutti l’esodo verso altri paesi europei alla ricerca di una possibilità per costruirsi un futuro. Noi, dopo anni di blocchi del turn-over abbiamo superato una durissima selezione ed abbiamo conseguito l’idoneità per svolgere un lavoro delicato, che garantisce un diritto costituzionale fondamentale come quello alla Giustizia. La nostra graduatoria, per la quale al momento sono assicurate solo 1400 assunzioni, rimarrà aperta con altri 3515 idonei in attesa.

3515 giovani risorse in possesso di un notevole bagaglio di esperienze lavorative e professionali; molti di questi, infatti, hanno conseguito lauree in discipline giuridico – economiche, ed una significativa percentuale risulta anche abilitata all’esercizio della professione forense.

Costoro, altamente qualificati e preparati, provengono da una selezione molto rigorosa. Sono stati infatti esaminati e valutati su materie come diritto amministrativo, diritto costituzionale, diritto processuale civile, diritto processuale penale, servizi di cancelleria, ordinamento giudiziario e pubblico impiego, oltre ad aver conseguito l’idoneità circa l’accertamento della conoscenza di una lingua straniera e l’uso di apparecchiature e applicazioni informatiche più diffuse.

Vi chiediamo pertanto, alla luce della legge di bilancio approvata la scorso mese, la quale finanzia l’assuzione di ulteriori 1400 unità da inquadrare nei ruoli del personale amministrativo della Giustizia, senza tuttavia meglio specificare i profili professionali interessati, di voler sostenere la nostra istanza tesa a far sì che sia data prevalenza al nostro profilo professionale, in considerazione delle gravissime carenze di organico registrate in tutti gli uffici giudiziari.

Infatti, il profilo di assistente giudiziario costituisce il profilo con la maggiore scopertura negli organici dell’Amministrazione, ed è essenziale per il funzionamento degli uffici giudiziari e per l’assistenza ai magistrati sia nei tribunali che nelle procure.

A sostegno di quanto sopra, evidenziamo, nel caso di indizione di nuovi concorsi, che fonti normative e giurisprudenziali impongono un vincolo allo scorrimento delle graduatorie degli idonei vigenti rispetto all’avvio di nuove procedure concorsuali per profili professionali equivalenti.

Inoltre, Vi chiediamo, in caso di mancato esaurimento della nostra graduatoria in tempi brevi, di sostenere la possibilità di attingere dalla nostra graduatoria per tutti i dipartimenti del Ministero della Giustizia (non solo quindi presso il Dipartimento Organizzazione Giudiziaria del personale e dei servizi, ma anche presso altri dipartimenti come il Dipartimento per gli Affari di Giustizia, il Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria nonché il Dipartimento per la Giustizia minorile e di comunità) e per tutte le amministrazioni centrali, in considerazione delle competenze trasversali da noi acquisite con il superamento del concorso e della flessibilità della nostra figura professionale, certamente centrale per il Ministero della Giustizia ma anche per tutta la Pubblica Amministrazione.

Disperdere le nostre professionalità sarebbe un vero peccato, non solo per noi ed il nostro futuro, ma anche per il Paese. Nonostante le campagne degli ultimi anni contro il pubblico impiego noi crediamo che sia invece una grande opportunità lavorare per garantire diritti costituzionali ai cittadini italiani.

Con osservanza

Comitato Idonei Assistenti Giudiziari

Il C.I.A.G.in onda su IusLaw WebRadio

Si ringrazia IusLaw WebRadio  per aver dato voce alle nostre istanze.

L’avv. Cristina Milazzo, componente del Direttivo del C.I.A.G., intervistata dall’avv. Pino Gallo nel corso della puntata di #SvegliatiAvvocatura per IusLaw WebRadio.

CONCORSO ASSISTENTI GIUDIZIARI, RICHIESTA DI SCORRIMENTO TOTALE DELLA GRADUATORIA IN TEMPI RAPIDI

Intervista radio

Il CIAG rende noto ai propri membri che, in data odierna, un componente del Consiglio Direttivo all’uopo incaricato, ha rilasciato un’intervista alla Iuslaw Web Radio, facendo il punto della situazione degli idonei del concorso per assistenti giudiziari e, contestualmente, lanciando un appello al Ministro Orlando e al proprio entourage affinché forniscano delucidazioni in merito ai successivi scorrimenti.

Da mercoledì 10 gennaio p.v., sarà possibile ascoltare l’intervista in diretta nel programma “Svegliati Avvocatura” alle ore 7:20 circa, o anche successivamente dal sito www.webradioiuslaw.it.

Inoltre, è possibile seguire la radio mettendo un “like” alla pagina FB.

Infine, è possibile scaricare gratuitamente la App della radio per Iphone o Android, tramite la quale ascoltare l’intervista dal proprio smartphone.

Stay tuned e AVANTI CIAG!

Il punto della situazione

Fin dalla sua costituzione, il CIAG (Comitato idonei assistenti giudiziari) si è attivato concretamente per ottenere lo “scorrimento totale della graduatoria assistenti giudiziari”, agendo su diversi fronti, sia politici che sindacali.

Per questo motivo, i componenti del Direttivo non si risparmieranno fino al raggiungimento dell’obiettivo finale, che è quello di vedere esaurita l’intera graduatoria di idonei.

Allo stato attuale, possiamo registrare importanti passi avanti che fanno ben sperare per il futuro. Infatti, dopo l’esaurimento delle procedure di assunzione degli 800 vincitori, che proprio oggi 8 Gennaio prendono servizio, il Ministero non ha perso tempo per l’avviamento dell’iter di assunzione di ulteriori 600 unità che, a loro volta, nei prossimi giorni dovranno recarsi in Via di Brava, in Roma, per gli adempimenti previsti.

Così, risulta attuato il primo decreto di scorrimento di Aprile 2017 che, ad oggi, fa scorrere la graduatoria fino alla posizione n.1400.

Un altro passo verso lo scorrimento della graduatoria è stato fatto con l’approvazione della Legge Bilancio 2018, la quale finanzia ulteriori 1400 unità da inquadrare nei ruoli del personale amministrativo della Giustizia. Ed anche se non risultano ancora dati ufficiali sulle unità che verranno attinte dalla nostra graduatoria, le dichiarazioni del Ministro Andrea Orlando lasciano ben sperare per un corposo scorrimento che potrebbe portare all’assunzione di oltre 2000 unità (comprese le 1400 già assunte), acquisite dalla graduatoria idonei A.G.

Per ora rimaniamo in attesa del secondo decreto di scorrimento, che, come dichiarato dal Ministro in una recente intervista, dovrebbe essere firmato già in queste settimane.

Seppure tali ulteriori assunzioni potrebbero costituire un importante successo, l’attenzione non deve calare, in quanto, ad oggi, risultano collocate in attesa 3515 idonei.

Inoltre, sono allo studio da parte degli enti competenti, ulteriori soluzioni per un celere smaltimento della graduatoria, come cessioni ad altri Dipartimenti e/o Ministeri.

Nel frattempo, il Direttivo CIAG continuerà con la sua inarrestabile attività, proseguendo anche i confronti con forze politiche e sindacali.

Si coglie l’occasione per porgere i migliori auguri di buon lavoro agli 800 vincitori che già da oggi prenderanno servizio, sperando che siano solo i primi di un imponente, quanto necessario, esercito di giovani pronti a servire lo Stato e la Giustizia in particolare. Buon lavoro!!!

Scorrimento graduatoria concorso 800 assistenti giudiziari. Invito alla Politica.

Ill.mi Parlamentari,

siamo un comitato costituitosi spontaneamente a seguito del Concorso per #AssistentiGiudiziari al Ministero della #Giustizia. Siamo certi che non vi sfugge la situazione che la nostra generazione sta attraversando. La crisi economica ed altre contingenze rischiano di sottrarci il futuro. Il nostro Paese offre poche prospettive per giovani motivati e brillanti, ed è noto a tutti l’esodo verso altri paesi europei alla ricerca di una possibilità per costruirsi un futuro. Noi, dopo anni di blocchi del turn over abbiamo superato una durissima selezione ed abbiamo conseguito un’idoneità per svolgere un lavoro delicato, che garantisce un diritto costituzionale fondamentale come quello alla Giustizia. La nostra graduatoria, per la quale al momento sono assicurate solo 1400 assunzioni, rimarrà aperta con altri 3515 idonei.

3515 giovani risorse in possesso di un notevole bagaglio di esperienze lavorative e professionali; molti di questi, infatti, hanno conseguito lauree in discipline giuridico – economiche, e una significativa percentuale risulta anche abilitata all’esercizio della professione forense.

Costoro, altamente qualificati e preparati, provengono da una selezione molto rigorosa. Sono stati infatti esaminati e valutati su materie come diritto amministrativo, diritto costituzionale, diritto processuale civile, diritto processuale penale, servizi di cancelleria, ordinamento giudiziario e pubblico impiego, oltre ad aver conseguito l’idoneità circa l’accertamento della conoscenza di una lingua straniera e l’uso di apparecchiature e applicazioni informatiche più diffuse.

Vi chiediamo pertanto, in queste ore in cui si discute la legge di #bilancio, di aumentare la previsione delle assunzioni al Ministero della Giustizia oltre le 1400 già previste dall’art 46, con particolare riguardo al nostro profilo professionale, in considerazione delle gravissime carenze di organico in tutti i dipartimenti. Non solo quindi presso il Dipartimento Organizzazione Giudiziaria del personale e dei servizi, ma anche presso altri dipartimenti come il Dipartimento per gli Affari di Giustizia, il Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria nonché il Dipartimento per la Giustizia minorile e di comunità.

Vi chiediamo altresì, per il futuro, di tenere in considerazione la possibilità di attingere dalla nostra graduatoria per tutte le amministrazioni centrali, in considerazione delle competenze trasversali da noi acquisite con il superamento del concorso e della flessibilità della nostra figura professionale, certamente centrale per il Ministero della Giustizia ma anche per tutta la Pubblica Amministrazione. Disperdere le nostre professionalità sarebbe un vero peccato, non solo per noi ed il nostro futuro, ma anche per il Paese. Nonostante le campagne degli ultimi anni contro il pubblico impiego noi crediamo che sia invece una grande opportunità lavorare per garantire i diritti costituzionali ai cittadini italiani.

A sostegno delle nostre istanze evidenziamo che fonti normative e giurisprudenziali impongono un vincolo allo scorrimento delle graduatorie degli idonei vigenti rispetto all’avvio di nuove procedure concorsuali per profili professionali equivalenti.

Pertanto, Vi chiediamo di impegnarVi per fare fronte alle nostre istanze e nel contempo affinchè vogliate ricevere una nostra rappresentanza per dare seguito alle summenzionate richieste ed avviare un cortese confronto sul tema oggetto della presente.

Con osservanza
Comitato Idonei Assistenti Giudiziari